Il mito di Osiride

La storia di Iside e Osiride è la leggenda più importante di tutta la mitologia egizia, quindi è sempre stata aperta a diverse interpretazioni. Non esiste una ricostruzione esatta dell’intera leggenda, ad eccezione del “Trattato di Iside e Osiride” di Plutarco, un resoconto ellenizzato della tradizione popolare. Sono testi sciolti e iscrizioni che consentono di ricostruire la leggenda quasi completamente. Tuttavia, ci sono grandi differenze tra la versione dei testi “piramidali”, che potremmo considerare la più egiziana, e il lavoro di Plutarco, forse perché Plutarco ha cercato di dare una visione più ellenizzata del mito, e come egli stesso dice “Eliminando da esso tutto ciò che potrebbe essere inutile e superfluo”, in quanto assurdo o incomprensibile nel mondo greco.

Il mito secondo Plutarco riferisce quanto segue:

Quando Ra stava ancora governando il mondo, fu avvertito che sua figlia Nut, dea degli spazi celesti, aveva una relazione segreta con Geb, dio della Terra, e che, se in qualsiasi momento avesse dato alla luce un bambino, avrebbe governato l’umanità. Quindi Ra ha maledetto Nut in modo da non poter mai avere un figlio in nessun giorno e notte dell’anno. Nut chiese consiglio al grande Thot, dio della saggezza, che a proposito, si era innamorato della dea, dalla quale aveva anche ottenuto favori in quel momento. Lui, attraverso la sua saggezza, ha trovato il modo di evitare la maledizione. Thot andò da Jonsu, il dio della luna, la cui luminosità era quasi come quella del Sole e lo sfidò a un gioco da tavolo, in cui Jonsu scommetteva la propria luce. Entrambi hanno giocato e la fortuna è sempre stata dalla parte di Thot, fino a quando Jonsu non è stato sconfitto. La scommessa consisteva in 1/72 della luminosità giornaliera della Luna e da allora Jonsu non ha avuto abbastanza forza per brillare per tutto il mese. Con questa luce, Thot ha creato 5 nuovi giorni, noti come epagogeni, nel calendario che fino a quel momento consisteva in 12 mesi di 30 giorni ciascuno e li ha aggiunti solo alla fine dell’anno, in modo che non appartenessero al vecchio o al nuovo anno. Così Nut fu in grado di avere i suoi 5 figli, ed allo stesso tempo la maledizione di Ra si adempì. Osiride nacque e la sua nascita fu annunciata come quella di un benefattore del popolo. 

clicca per maggiori informazioni

– “Il grande signore di tutte le cose è apparso inondato di luce” –

Il secondo giorno fu riservato alla nascita di Horus, figlio di Osiride e Iside, il terzo per Seth, che non nacque né al momento giusto né nel modo giusto, ma lacerando il fianco di sua madre Nut. Il quarto giorno nacque Iside, tra le paludi, e l’ultimo giorno Nefti.

Osiride, il primogenito, era l’erede del regno e rappresentava il lato buono, la rigenerazione e la fertilità della terra, mentre Seth rappresentava l’aridità, il lato oscuro e le aree desertiche. Alla fine Osiride sposò sua sorella Iside, che amava dal grembo materno. Seth sposò Neftis, poiché essendo un dio, solo una dea poteva essere sua moglie. Iside, il più intelligente dei 4 fratelli, ottenne abilmente il nome segreto di Ra, il nome che le diede potere e grandezza e che nel tempo Osiride divenne il re d’Egitto. A quei tempi l’umanità viveva in natura, praticando il cannibalismo, ed era Osiride che insegnava al suo popolo a coltivare i campi, approfittando delle inondazioni annuali del Nilo e come falciare e raccogliere il raccolto per nutrirsi. Insegnò loro anche come coltivare la vite e ottenere vino e come fare la birra coltivando l’orzo. Ma non solo ha insegnato alle persone come nutrire e coltivare, ma ha dato loro delle leggi con cui attenersi alla pace, alla musica e alla gioia e le ha istruite sul rispetto degli dei.

clicca per maggiori informazioni

Quando la sua funzione fu terminata, Osiride partì per proclamare i suoi insegnamenti in un’altra terra, lasciando Iside a capo dell’Egitto, che governò saggiamente in assenza di suo marito. Ma Seth odiava suo fratello, il suo potere e la sua popolarità, quindi mentre Osiride era in altre nazioni, progettò un piano insieme con altri 72 cospiratori e la Regina di Kush (Etiopia), ottenendo così segretamente le esatte misurazioni del corpo di Osiride e fece una cassa di legni nobili, riccamente decorata, come un re meritato e in cui il corpo di suo fratello si adattava perfettamente. Dopo il ritorno di Osiride, Seth decise di organizzare un grande banchetto in onore di suo fratello, e Iside, consapevole della possibile cospirazione, avvertì Osiride, che non vide nulla di male a partecipare al banchetto. La festa, alla quale hanno partecipato i 72 cospiratori, è stata grandiosa; il miglior cibo e bevande e le migliori danze di tutto il regno. La festa e gli eventi elencati di seguito si sono verificati il ​​17 ° giorno del mese di Athyr del 28 ° anno del regno di Osiride.

Ad un certo punto della festa, quando i cuori degli ospiti erano già esultanti, Seth mostrando la cassa disse, con voce dolce: “Darò questa cassa a quello il cui corpo si adatta perfettamente ad esso. Gli ospiti stavano testando uno ad uno se il loro corpo si adattasse alla cassa, ma nessuno riuscì ad ottenerlo perché per alcuni era lungo o corto e per altri troppo largo o stretto. Osiride, stupito dalla grandezza dell’oro e del legno e dai dipinti che lo adornavano, avvicinandosi a lui disse: “Fammi provare.” Osiride lo provò e vedendo che si adattava dichiarò: “Io mi adatto e sarà mio per sempre”, a cui Seth rispose “Tuo fratello e in effetti lo sarà per sempre” e chiuse bruscamente il coperchio, inchiodandolo in seguito con l’aiuto degli ospiti e sigillandolo con piombo fuso. Il sarcofago fu trasportato sul Nilo dove fu gettato. Hapi, il dio del Nilo lo trascinò sulla costa fenicia, vicino alla città di Byblos, dove le onde lo gettarono contro un cespuglio di tamerici, in cui era incastonato. Il cespuglio divenne un albero grandioso con il prezioso baule incastonato nel suo tronco. Presto la parola della grandezza del cespuglio si diffuse in tutte le terre del regno e il re Malcandro, avvertito dell’aspetto straordinario dell’albero, si avvicinò al luogo, ordinando di abbatterlo, in modo che con esso potesse costruire un pilastro che in seguito avrebbe tenuto il tetto del suo palazzo.

Iside, consapevole del tradimento di Seth, partì alla ricerca del corpo di suo marito per dargli la giusta sepoltura, degna di un dio, e iniziò la sua ricerca con suo figlio Horus, chiamato anche Horus il Bambino, trovando rifugio sull’isola di Buto in cui visse Uadyet, che gli uomini chiamavano anche Buto o Latona, e si confidò con Horus, temendo che l’odio di Seth avrebbe posto fine alla vita di suo figlio nello stesso modo in cui aveva posto fine a suo marito.

Iside girovagò per la terra alla ricerca del corpo di Osiride, chiedendo a tutti quelli che vedeva, ma non c’era nessun uomo o donna che sapesse dove si trovasse il forziere e la magia che Iside possedeva non aveva effetto in tali circostanze. Fino a quando non trovò alcuni bambini che giocavano sulla riva del fiume, che la informarono del ramo del Nilo attraverso il quale il sarcofago aveva raggiunto il mare. Inoltre, Iside scoprì un trifoglio nella corona che Osiride aveva lasciato vicino a Neftis, un segno inequivocabile della storia d’amore che aveva avuto con sua sorella Neftis, che confuse con Iside stessa. Da questa unione nacque Anubi, che Nephthys aveva nascosto dando alla luce la paura della possibile vendetta di Seth. Guidato dai cani, Iside lo trovò, si prese cura di lui e lo nutrì e da allora Anubi divenne il suo guardiano e compagno.

clicca per maggiori informazioni

Più tardi Iside, scoprì che la preziosa cassa aveva raggiunto la città di Byblos, notizia che gli era stata trasmessa da un vento divino. Arrivò in questa città e si sedette in riva al mare. Le domestiche della regina Astarté, moglie di Malcandro, scendevano al fiume ogni giorno per fare il bagno e Iside, quando usciva dal bagno, insegnava loro a pettinarsi, intrecciare i capelli e profumarli con le fragranze che emanavano dal suo corpo. Quando le fanciulle tornarono a palazzo, la loro padrona fu stupita dalle loro nuove acconciature, finora sconosciute, e dalle fragranze con cui erano state unte. Le fanciulle raccontavano il loro incontro con una donna che era sulla riva, una donna sola e triste che li aveva pettinati e profumati con le loro fragranze. La regina mandò a cercarla e propose ad Iside di servire nel suo palazzo prendendosi cura del suo figlioletto, che era debole e malato, sull’orlo della morte. Iside accettò dicendo

“Posso rendere questo bambino grande e potente, ma lo farò con i miei mezzi e nessuno dovrebbe interferire nel mio lavoro.”

A poco a poco il ragazzo crebbe, sebbene Isis non facesse altro che succhiarsi il dito, invece del seno. Più tardi, Iside, che aveva un grande affetto per il ragazzo, decise di renderlo immortale, bruciando le sue parti mortali. Di notte metteva grandi tronchi sul fuoco e lanciava il ragazzo tra le fiamme; in seguito divenne una rondine ed emise grandi lamenti attorno al pilastro in cui si trovava Osiride. La regina chiese ai suoi servi se sapevano cosa stesse facendo la sua amica, ma nessuno conosceva il segreto della dea, quindi una notte, desiderosa di curiosità, andò a spiare Iside e quando vide che il figlio fu gettato nel fuoco lo salvò, privandolo dell’immortalità. Iside quindi pronunciò le seguenti parole:

“Oh madre sconsiderata! Perché hai preso il bambino? Solo qualche giorno in più e tutte le sue parti mortali sarebbero state distrutte dal fuoco e, come gli dei, sarebbero state immortali e giovani per sempre. “

In quel momento Iside assunse la sua vera forma e la regina notò che era di fronte a una dea. I re offrirono a Iside i migliori doni che potesse immaginare, ma chiese solo una cosa: il grande pilastro di tamerici da cui si ergeva il palazzo e tutto ciò che era contenuto in esso. Quando glielo offrirono, Iside lo spezzò, senza alcuno sforzo, e prese il forziere, restituendo il pilastro al re coperto da una bella stoffa unta con essenze e fiori. Questo pezzo di legno era conservato a Byblos come il pilastro che un tempo ospitava il corpo di un dio, e come tale è stato a lungo venerato. Quando Iside raccolse il baule contenente il corpo defunto di suo marito, rabbrividì, lasciandosi cadere su di lui e un gemito così profondamente acuto che il più piccolo dei figli del re rimase inorridito. Iside caricò il forziere su una nave offerta dal re e partì per l’Egitto in compagnia del figlio maggiore del re. Durante il viaggio lungo il fiume Fedro soffiava un vento estremamente forte e violento. Iside, in un momento di irritazione, asciugò il corso. Quando Iside si credette sicura e sola, decise di aprire il baule che conteneva il corpo di suo marito, che baciò. Il principe si trovava nelle vicinanze ad osservarla di nascosto e fu così che Iside lo scoprì e con lo sguardo che proveniva dai suoi occhi uccise in quel momento il figlio del re. momento.

Al suo arrivo in Egitto, Iside nascose il forziere nelle paludi del Delta e andò a Buto in cerca di Horus. Seth, che una notte cacciava cinghiali, trovò il forziere al chiaro di luna e lo riconobbe. Arrabbiato dalla scoperta, lo aprì, prese il corpo di Osiride e lo strappò in 14 pezzi, che sparse lungo il Nilo per servire da cibo per i coccodrilli.

“Non è possibile distruggere il corpo di un dio?”. “Io ho potuto! – perché ho distrutto Osiride”! Seth disse ridendo, e le sue risate furono udite in tutti gli angoli della Terra, e tutti coloro che le percepirono tremarono, scosse dal terrore.

APRI IL TUO NEGOZIO ESOTERICO

Iside ricominciò a cercare suo marito, ma con l’aiuto di sua sorella Neftis, che aveva avuto pietà di lei e di suo nipote il giovane Anubi, figlio di Osiride e Neftis. Nella sua ricerca fu accompagnata e protetta da 7 scorpioni, che attraversavano il Nilo in una barca di papiro, e i coccodrilli in riverenza per la dea non toccarono i pezzi di Osiride o lei. Ecco perché in tempi successivi, quando qualcuno navigò sul Nilo in una barca di papiro, si credeva al sicuro dai coccodrilli, poiché si credeva che credessero ancora che fosse la dea in cerca di pezzi del corpo di suo marito.

A poco a poco Iside recuperò ciascuno dei pezzi del corpo, grazie al naso dello sciacallo di Anubi, che aiutò a trovare i pezzi, avvolgendoli in cera aromatizzata, e in ogni punto in cui appariva un pezzo, Iside diede una figura ai sacerdoti, costringendoli giurare che lo avrebbero seppellito e lo avrebbero venerato, oltre a consacrare l’animale che essi stessi decisero a quello che avrebbero venerato con gli stessi onori nella vita, quando morì e dopo la sua morte. Rimase solo un pezzo da recuperare, il suo membro virile, che fu mangiato dal lepidoto, dalla coda nera e dall’oxyrhynchus, specie che furono maledette da quel momento in poi, e nessun egiziano avrebbe mai toccato o mangiato pesce di questo tipo. Iside ricostruì il corpo e con la sua magia riprodusse l’arto perduto d’oro, consacrando il fallo, con il quale era impregnato il seme di Osiride,

Grazie ad Anubi che imbalsamò il corpo di Osiride, diventando così la prima mummia in Egitto, e lo nascose in un luogo che solo Iside conosceva e che rimane nascosto e segreto fino ad oggi.

Iside e Osiride si reincarnarono nei cieli dove sono i re della notte, Iside la stella Sirio e Osiride come Orione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...