CORNELIUS AGRIPPA. Il dottore che rianimò i morti.

Cornelius Agrippa è un famoso mago che ha scritto libri su stregoni e magia. Alcune persone hanno ritenuto che i suoi scritti fossero perversi e per questo motivo lo hanno imprigionato.

Nato a Colonia (Köln), in Germania, in tempi di sconvolgimento sociale e trasformazione religiosa. Figlio di genitori facoltosi, è cresciuto in un costante e ardente bisogno di conoscenza.

Agrippa era un dottore, un filosofo e un diplomatico. Ha praticato e studiato le grandi scienze ermetiche, la magia, l’alchimia, l’astrologia e la cabala, tra l’altro con il famoso Tritemus, anche insegnante del famoso alchimista e astrologo Paracelso. Ha studiato e insegnato teologia in diverse università. In gioventù fu legato alla corte di Carlo V, di cui fu consigliere. Poiché le sue opere erano incomprensibili per la gente comune che lo considerava uno stregone e per le sue differenze con i domenicani, dovette sopportare la prigione a Bruxelles e infine l’esilio. Accusato come stregone, si ritirò in Italia. Alla fine giunse a Lione, dove impoverito e disprezzato da tutti troverà la morte.

La sua vita è piena di misteri e leggende, inclusa quella che vedrebbe una demone o il diavolo stesso nel cane nero da cui non si separava mai. Allo stesso modo, il mago di Nettesheim era una delle figure rilevanti del suo tempo. Un ribelle che ha pagato il prezzo della sua ribellione con emarginazione e disprezzo. Protetto dai saggi del suo tempo e dagli stessi nobili, non ha comunque potuto resistere alla crudeltà dell’ignoranza.

clicca per maggiori informazioni


Il suo lavoro

Agrippa è un ricercatore che indaga non solo nell’ambito teorico delle conoscenze accademiche, ma che coltiva anche conoscenze esperienziali. La sua è dunque una conoscenza di prima mano. A questo proposito, egli stesso afferma di aver visto ed eseguito operazioni alchemiche di trasmutazione dei metalli in argento e oro. Agrippa è uno dei cosiddetti maghi dotti. Tutta la sua conoscenza fu catturata in un’opera sovrumana, la sua “De Occulta Philosophia”, un immenso libro in quantità e qualità, che Agrippa terminò quando aveva solo 26 anni. Questo libro, riletto e riscoperto dall’esoterismo del diciannovesimo secolo, è oggi uno dei grandi pilastri dell’occultismo. Non è vano pensare che l’intero moderno movimento occulto debba il suo nome all’immensa influenza del testo di Agrippano. L’intera opera si basa sulla cosiddetta legge delle corrispondenze o analogie,

Medico, avvocato, teologo e mago. Nel suo lavoro principale, De occulta philosophia, ha raccolto tutte le conoscenze medievali su magia, astrologia, alchimia, medicina e filosofia naturale e le ha supportate teoricamente. Le sue idee e la sua dedizione allo studio delle scienze occulte lo hanno costretto a vivere in un esodo costante quando è stato perseguitato in vari paesi. Durante il suo pellegrinaggio in Germania, Francia e Italia ha lavorato come teologo, fisico, avvocato e soldato. Cornelius Agrippa von Nettesheim era considerato da molti il ​​fondatore della filosofia occulta e il principe dei maghi. E come ha detto, sulla base degli antichi scritti è stato in grado di resuscitare i morti.

“Dio governa il mondo, sebbene l’esecuzione della sua volontà la lasci ai suoi servitori, tra i quali ci sono anche demoni. Il mondo è gerarchicamente costituito e ogni cosa ha un’anima: uomo, animale, verdura e minerale.

Poiché ognuno dei cieli e delle stelle ha anche un’anima, sulla quale sono situati su un piano superiore alcuni sovrani come intelligenze superiori, proprio come i servi subordinati, come gli aiutanti, l’astrologia e la magia rituale sono di importanza vitale nel suo concetto di mondo. In questo modo tutte le cose sono collegate tra loro e hanno un effetto attraente o respingente su se stesse. Questi erano i principi di Cornelius Agrippa.

Figlio di una nobile famiglia, è nato a Colonia, in Germania, nella cui università ha studiato medicina, all’età di vent’anni era già considerato un insegnante di magia e alchimia e padroneggiava diverse lingue, tra cui l’ebraico, quest’ultimo, insieme alle sue capacità di oratore, portò Cornelius in diverse missioni diplomatiche e militari, con le quali si guadagnò da vivere per qualche tempo.

Aperto a tutti i tipi di correnti di pensiero, cercò di conciliare e unire la filosofia e l’occultismo: nel 1507 mentre era a Parigi, in missione commissionata dall’imperatore Massimiliano, entrò in contatto con un gruppo di giovani aristocratici che facevano parte di una società segreta chiamata “Sodalitium” il cui scopo principale era quello di creare e sviluppare un piano mistico per riformare il mondo.

Nel 1509, e grazie all’intercessione di Margherita d’Austria, figlia di Massimiliano, ricevette l’autorizzazione ad insegnare letteratura sacra, principalmente Kabbalah, all’Università di Dole. Cornelio inizia a mettere in discussione la fede cattolica, mettendo in dubbio il fatto che fosse la migliore o quella vera per eccellenza, e che tutte le religioni dovessero essere oggetto di un’analisi trattenuta, inoltre, dicono che per lodare il suo beneficiario, al quale ha persino dedicato un’opera “La divina Margherita”, iniziò a diffondere idee di esaltazione del sesso femminile basate sulla Bibbia e su altri testi filosofici. Come previsto, il clero non impiegò molto a reagire, e né le idee sulla vera natura delle donne, né l’insegnamento di una scienza che stava cominciando a essere considerata come un’eresia furono ben accolti dalle autorità ecclesiastiche.

clicca per maggiori informazioni

Dopo una breve visita a Londra, dove c’è chi dice che abbia partecipato alla fondazione dell’ordine dei Rosacroce in quella città, Agrippa raggiunse l’imperatore Massimiliano e le sue missioni diplomatiche, un’avventura che non durò troppo a lungo, Cornelio lasciò l’esercito e si dedicò all’insegnamento in varie università italiane, fino a quando nel 1518, i Marchesi di Monferrato ne fecero un fiduciario in Avvocato della città di Metz. Una posizione che avrebbe mantenuto per due anni, fino a quando non si trovò ad affrontare un inquisitore domenicano, Nicolas Savini, in occasione del salvataggio di una donna contadina accusata di stregoneria e condannata al rogo, basata sulla testimonianza di altri contadini con la reputazione di essere sempre ubriachi. Dopo aver rilasciato la giovane donna, Cornelius multò i calunniatori e due monaci,  anche responsabili dell’arresto dei contadino per diffamazione. Ancora una volta si trovò costretto a lasciare una città.

Dopo una breve esperienza come dottore, la duchessa Luisa de Savoia, madre di Francesco I, voleva anche che fosse il suo astrologo personale, una posizione che Cornelius rifiuta, scrivendo “L’incertezza delle scienze e delle arti”, affermando che queste siano dannose per l’uomo, denunciando in 103 capitoli gli abusi delle professioni liberali, dei grammatici, dei musicisti e dei dottori, tra gli altri. Il lavoro si diffuse rapidamente, lanciando due edizioni in soli tre mesi. Prima di presentare la terza al pubblico, venne confiscato e bruciato per ordine della Facoltà di Teologia di Parigi.

Nel 1531 fu nominato storico ad Anversa, dove ancora una volta ottenne l’inimicizia di alcuni membri della chiesa che lo portarono a perdere di nuovo il lavoro e, incapace di far fronte ai suoi debiti, fu incarcerato per un anno in una prigione di Bruxelles.

Nel 1532, e nonostante la feroce opposizione del Tribunale dell’Inquisizione di Colonia, il suo lavoro in tre volumi, “Hidden Philosophy”, alla fine venne alla luce, considerato la migliore enciclopedia della magia di tutti i tempi. “Per conoscere la magia è necessario avere conoscenze di fisica, matematica e teologia” “Il potere della magia contiene la più profonda conoscenza della natura e dei suoi misteri”

Nel primo volume, sulla magia naturale, sviluppa la teoria dei tre mondi, elementale, intellettuale e celeste, analizza le virtù nascoste delle cose e le influenze planetarie sull’anima e su specie, animali, piante e minerali. Nel secondo, i numeri, i pesi, le misure e l’armonia universale. Nel terzo i nomi divini, gerarchia angelica, spiriti planetari, incantesimi, riti, cabala. “L’uomo, così come l’universo è immortale, la sua intelligenza, la sua immaginazione e la sua anima sono in grado di influenzare e trasformare il mondo.

clicca per maggiori informazioni

Nel 1535 Francisco emise un mandato di arresto nei confronti di Agrippa per dichiarazioni satiriche contro sua madre, fortunatamente, grazie ad alcuni amici si rifugiò a Grenoble, dove morì il 18 febbraio 1535. Un cronista del tempo dichiarò dopo l’annuncio della morte del “Principe dei Magi”, che fosse sempre accompagnato da un cane nero, un maschio, che chiamava Monsieur e che fosse senza dubbio il diavolo stesso, omettendo di dire che avesse anche un cane, anch’esso nero, che chiamava Mademoiselle.

Leggenda delle Fiandre su Cornelius Agrippa.

Si è scoperto che un giorno è arrivato a Lovanio, dove grazie alla sua grande conoscenza è stato professore all’università. Qui sua moglie divenne l’amante di uno dei suoi studenti (che in seguito sarebbe stato conosciuto come “Fonske”) e convinse la moglie di Agrippa a lasciargli sfogliare i libri di magia nera che il maestro Agrippa avrebbe tenuto con grande zelo. . Un giorno quando l’insegnante se ne fu andato, entrò nel suo studio e nella sua curiosità cominciò a leggere ad alta voce uno di questi volumi, che aveva attirato la sua attenzione perché non era scritto né in latino né in greco … quando improvvisamente la porta sbatté e apparve un demone che disse: “Mi chiamo Quasiloco, cosa dovrei fare, signore?” Fonske era sbalordito e poteva solo balbettare: “È stato un incidente! Seriamente! ”, A cui il demone rispose: “Non sai che i demoni non possono essere convocati alla leggera e che a loro non piace essere disturbati?” Fonske, spaventato a morte, non riuscì a rispondere e il demone lo toccò e con il suo unico tocco lo uccise.

Poco dopo il maestro Agripa tornò e trovò il cadavere, con il demone Quasiloco seduto su di esso. Spaventato dal fatto che i suoi vicini vedessero tutto questo e lo accusassero di nuovo di stregoneria, ordinò al demone di entrare nel corpo dello studente e fare una passeggiata per la città, ben lontano da casa sua, e poi lasciare il corpo. Il demonio Quasiloco lo fece, e in questo modo sembrò che il ragazzo fosse improvvisamente morto in mezzo alla strada …

Ma il demone non ne aveva abbastanza, già liberato com’era, e dopo aver lasciato il corpo di Fonske ne possedette un altro, e poi un altro, un altro e un altro … E in questo modo il terrore del demone raggiunse la città di Lovanio …

Alla fine, un gesuita spagnolo che era anche professore all’università, Martín Antonio del Río, accusò Cornelius Agripa di aver portato il demone in città, e dovette anche fuggire da Lovanio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...