0 5 minuti 4 settimane

È un numero che ha potere in sé e mantiene un alone di mistero. Cosa nasconde e cosa simboleggia.

Il 7 è considerato un numero magico perché è composto dal numero sacro 3 e dal numero terreno 4. Quindi, in questo modo, stabilisce un ponte tra cielo e terra.

Per Pitagora il 7 era ” il numero perfetto” ; Dante Alighieri lo usava nelle sue opere; e la Bibbia lo menziona frequentemente.

Il numero 7 -diceva Ippocrate– per le sue virtù nascoste, tende a fare tutte le cose; è dispensatore di vita e fonte di tutti i cambiamenti, poiché anche la Luna cambia fase ogni sette giorni: questo numero influenza tutti gli esseri sublimi” .


Cosa significa il numero 7?


Se al numero 4 si associa la Terra (con i suoi quattro elementi e i suoi quattro punti cardinali) dal numero sacro 3 , che simboleggia la perfezione , si arriva al numero 7, che rappresenta l’intero universo in movimento .

La sua simbologia è stata probabilmente ricavata dal cielo, dove i sette pianeti classici formano un tutto, il “settenario”, formato dal Sole, dalla Luna e dai pianeti visibili (Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno).

La stragrande maggioranza dei simboli dei sette elementi nel mondo intero deriva da questo modello celeste delle sette sfere.

C’è anche una grande concordanza tra il numero 7 e il 12 : siccome 3 e 4 sommati danno 7, tre volte 4 fanno 12, che sono i pianeti e i segni derivati ​​dalla stessa radice e partecipano col 3 per la divinità e con il 4 della natura dell’inferiore.

SIGILLO PER LA FORZA INTERIORE.

COMPRA ORA


Esistono, quindi, tante relazioni e applicazioni del settenario (il nome dato ai sette pianeti classici in astrologia e, per estensione, a tutto ciò che consiste di sette elementi) e sarebbe difficile elencarle tutte.

Vediamone un po’: il numero 7 è presente nella settimana composta da sette giorni e nelle fasi lunari che durano sette giorni ciascuna e, attraverso le quali sorge il mese.

Alla simbologia del 7 appartengono, ovviamente, i gruppi dei 7 elementi come i sette mari del mondo, gli stivali delle sette leghe e i sette nani.

Nel Medioevo si conoscevano sette forme d’arte e, fin dall’inizio dell’umanità, si conoscono i sette miracoli del mondo .

Le sette colonne su cui è stata edificata Roma appartengono allo stesso tipo di simbologia delle sette colonne su cui è stato edificato il Tempio della Sapienza di Salomone: nella casa di Dio sulla terra il 3 divino è unito al 4 terreno.

ANFIBIO Le Clod


Come il principio di Ermete, “Come in basso, così in alto, come in alto, così in basso per perpetuare il miracolo dell’unità” , così avviene con il 7 celeste , che ha la sua corrispondenza nel 7 terreno e nei 7 metalli che costituiscono le 7 fasi del processo alchemico.

La Lira, lo strumento sacro di Apollo, è costituita da sette corde che originarono i toni dei sette pianeti, che elevarono lo spirito dell’uomo. I sette colori dell’arcobaleno ci mostrano anche il settenario come regolatore delle vibrazioni.

Al settenario si possono associare anche i peccati (o vizi) capitali : orgoglio nel Sole; avidità verso Saturno; lussuria a Venere; rabbia su Marte; gola a Giove, invidia a Mercurio, pigrizia alla Luna. Come contropartita, accade la stessa cosa con le sette virtù cardinali .

I 7 chakra del corpo includono il numero sette.

I 7 Angeli che assistono Dio
Secondo Cornelio Agrippa (scrittore, filosofo, alchimista e medico tedesco morto nel XVI secolo) i sette Angeli che assistono Dio sono:

-Sole: l’angelo della Luce, Michele.

-Luna: l’angelo delle aspirazioni e dei sogni, Gabriele.

-Mercurio: l’angelo civilizzatore, Raffaello.

-Venere: l’angelo dell’amore, Anael


-Marte: l’angelo sterminatore, Samahel.

-Giove: l’angelo dominante, Zadkiel.

La dualità di questa figura si riflette nell’espressione biblica “sette anni di vacche magre e sette anni di vacche grasse”. Inoltre, 7 è usato frequentemente nella Bibbia: nel candelabro a sette braccia, i sette spiriti che riposano sulla verga di Giuseppe, i sette cieli dove dimorano gli ordini angelici, e Salomone che costruisce il tempio in sette anni.

Il numero 7 in astrologia
Per l’ Astrologia è ben noto che il ciclo del sette è di solito un ciclo critico per due motivi: o per l’ angolo ostile che la Luna forma con il Sole ogni sette giorni (chiamati giorni critici) o per il ciclo di Saturno che fa un aspetto ostile con la sua posizione iniziale ogni sette anni.

7 è il numero, come è stato sottolineato, del compimento di un ciclo e del suo rinnovamento. Il settimo giorno il Creatore cessò di operare e si riposò e ne fece un giorno santo: il sabato non è dunque il suo riposo esteriore ma il suo coronamento, il suo compimento nella perfezione, e non solo il settimo giorno, anche il settimo anno è dedicato al riposo.

Rispondi