San Cipriano

San Cipriano de Antioquia

Una figura controversa nella vita, le sue forti capacità pastorali, la sua condotta ferma durante l’eresia novaziana e lo scoppio della peste, e il martirio a Cartagine confermarono la sua reputazione e dimostrarono la sua santità agli occhi della Chiesa.

San Cipriano de Antioquia de Pisidia minore noto come Cipriano il Negromante. Era il santo dei Negromanti, dei maghi, degli stregoni, perché è circondato dal mistero, era uno dei meno conosciuti, a causa della sua origine pagana, visse durante il 3 ° secolo

Fu consacrato alla nascita della dea Afrodite e quindi il suo nome greco Kiprian dall’isola di Cipro appartenente a una lunga tradizione di maghi e sacerdoti pagani. Suo padre voleva che fosse un sacerdote del tempio di Giove, quindi gli diede la migliore istruzione, in gioventù potrebbe essere stato iniziato ai misteri di Mitra, Orfeo, Iside ed Eleusino. Si diresse verso la teurgia (magia della carità greca) ma si rivolse al goeti (ramo oscuro). Viaggiò attraverso Caldea, Alejandria, Memphis e Salamanca per completare i suoi studi.

Quando Cipriano tornò nella sua città natale, lavorò come un potente stregone e mago riconosciuto per le sue pozioni e per dominare gli esseri infernali. Si dice che scoprì il modo di comunicare con il diavolo stesso o Satana, facendo potenti incantesimi e pozioni. Aveva anche molta conoscenza di magia nera, forniva i suoi servizi a chiunque avesse molti soldi per pagarlo. Si ritirò in una grotta dove fece i suoi rituali oscuri, dove compose anche i suoi manoscritti che avrebbero formato il suo Grimorio meglio conosciuto come il Libro di San Cipriano 

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/d/d6/Cyprianandjustinagoldenlegend.jpg/220px-Cyprianandjustinagoldenlegend.jpg

La leggenda narra che un giorno Agladio abbia richiesto i suoi servizi perché aveva incontrato una donna molto bella e vergine di nome Giustina, figlia di Edesio e Cleodonia, ed era molto innamorato di lei, ma Giustina era una cristiana molto devota. E chiese a Cipriano, il Negromante, un incantesimo per farlo innamorare di lui, tuttavia Cipriano il Negromante non fu in grado di piegare la volontà di Giustina. Aveva una grande forza che non poteva superare, Cipriano stesso si innamorò di lei e la desiderò per sé stesso. 

Stanco di così tanti incantesimi, convocò i demoni e chiese loro perché non poteva battere Justina. A malincuore, Lucifero gli disse: “Quel motivo era la fede di Giustina in Gesù Cristo, Dio dei cristiani, proteggendola, contro di lui, non posso fare nulla”. Cipriano, deluso da Satana, rispose: “Se Gesù Cristo è più potente di te, preferisco servirlo”, da allora si dedicò completamente allo studio delle Scritture e alla conoscenza di Cristo.

Dopo aver appreso la causa del suo fallimento, Giustina lo accolse gentilmente e lo pose sotto la tutela del vescovo Eusebio. In breve tempo Cipriano divenne un sacerdote diacono e infine il vescovo di Antiochia. Anche il giovane Agladius si convertì al cristianesimo, donò tutti i suoi beni ai poveri e da allora ha condotto una vita di castità e umiltà.

San Cipriano fu catturato insieme a Giustina e portato in Cappadocia dove si rifiutarono di rinunciare alla loro fede affermando che l’unico vero dio era il dio dei cristiani. Il giudice poi li ha condannati ad essere frustati prima e scuoiati in seguito; successivamente un sacerdote del dio Marte, di nome Atanasio, persuase il giudice a farli gettare in un bollitore con acqua bollente. Tuttavia, secondo la leggenda, in quell’occasione non subirono ustioni a causa di un miracolo di Dio. Alla fine, il giudice decise di inviarli a Nicomedia in modo che fosse lo stesso imperatore a decidere il loro destino.

Nel 304 Diocleziano ordinò che Cipriano e Giustina fossero decapitati sulle rive del fiume Galo. Al momento dell’esecuzione, un cristiano di nome Teoctiso corse ad abbracciare Cipriano, e per questo gesto fu anche giustiziato. I corpi erano custoditi da soldati romani per impedire ai cristiani di portarli via. Tuttavia, dopo sei giorni, un gruppo di cristiani riuscì a prendere le ossa e trasportarle a Roma, dove furono affidate alle cure di una signora cristiana di nome Rufina. Anni dopo, i resti furono portati nella chiesa di San Juan de Letrán.

La più importante delle leggende che si riferivano a San Cipriano indicava che sebbene la sua conversione fosse autentica, non rinunciò ai suoi modi da stregone e continuò a praticare come negromante all’interno della chiesa, usando la sua arte a beneficio del suo popolo. Si dice anche che, a causa della sua intima conoscenza degli spiriti, sia stato autore di numerose preghiere di esorcismo riportate nel Libro di preghiere del sacerdote e alcuni erano libri di magia popolari, alcune preghiere e istruzioni per i sacerdoti su come trattare con demoni e spiriti e altri contenevano riti oscuri di natura macabra.

In tutte le leggende San Cipriano rimane un legame unico tra le pratiche della Chiesa e le pratiche dell’Occulto. Ancora più importante, San Cipriano dimostra l’elemento paradossale del cristianesimo popolare che abbraccia le arti magiche.

Le sue leggende assunsero una vita propria mentre cominciavano a emergere libri attribuiti alla sua paternità. Nei paesi nordici emerse Ciprianus, un testo di magia popolare scandinava che divenne parte integrante delle pratiche magiche di Trolldom e Nordic. In Spagna e Portogallo, il Libro di San Cipriano divenne un elemento essenziale nella biblioteca della strega e dello stregone. Nell’America centrale e meridionale, San Cipriano prosperò pienamente come il santo degli stregoni e dei praticanti spirituali e come tale apparve in primo piano nelle opere che ruotavano attorno alla rottura delle maledizioni, al controllo degli spiriti e ad altri atti di padronanza esoterica.

In America Centrale il Libro di San Cipriano divenne un grimorio molto ricercato, con una varietà di edizioni attribuite ad esso, ognuna piena di segreti di stregoneria impiegati nella magia nera. Viene spesso richiesto da guaritori e curanderas che cercano di rompere le maledizioni delle streghe o chiamati a dominare gli spiriti ribelli. È anche prominente nel culto della Santa Morte, dove è noto per essere uno dei pochi santi con il potere di mitigare la sua influenza attraverso la sua protezione.

Il suo libro più famoso è un Grimorio intitolato Libro di San Cipriano, sottotitolato Il tesoro dello stregone, che contiene preghiere, incantesimi, gerarchie infernali e sigilli demoniaci. È ampiamente conosciuto nel mondo esoterico e diffuso principalmente in Spagna e Portogallo. Si dice che sia stato scritto su antiche pergamene ebraiche consegnate dai demoni al monaco tedesco Thomas Sufurino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...