IKEBANA O IL SENTIERO DEI FIORI: COS’È E COSA SIGNIFICA


La cultura giapponese è riconosciuta per il suo modo particolare di vedere ed esprimere il mondo, soprattutto attraverso l’arte. Esperti nell’essere metodici e nel trovare la bellezza nelle cose semplici, i giapponesi hanno molte espressioni artistiche da condividere con il mondo. E l’ Ikebana è uno di questi.

È l’arte di fare composizioni floreali ed è anche conosciuta come “la via dei fiori”. Ma è molto più di un semplice ornamento. È soprattutto un simbolo, e ha alle spalle una filosofia che lo lega ad alcuni concetti ricorrenti nella cultura orientale: l’effimero, la bellezza dell’imperfetto, il completo.

In questo articolo parleremo di come è nata l’arte dell’Ikebana, quali sono i suoi fondamenti spirituali e filosofici e le chiavi per iniziare questa pratica.

IKEBANA: LE SUE ORIGINI


Si ritiene che l’idea dell’Ikebana sia nata nel 7 ° secolo, quando il buddismo iniziò a prendere forza in Giappone. Per la religione buddista è molto importante l’offerta floreale sugli altari, che è diventata un’attività classica. Tuttavia, di fronte all’anarchia e al disordine di queste offerte, il sacerdote buddista Ono-No-Imoko iniziò a pensare a certe regole che potessero unificarle.

Così ha gettato le basi per Ikebana. Fondamentalmente, i loro disegni rispondevano a tre regole di base: i fiori erano sempre rivolti verso l’alto, erano asimmetrici e erano disposti a coppie, a simboleggiare l’uomo, la terra e il cielo. Da queste prime esperienze, il formato in cui venivano fatte queste offerte floreali iniziò ad essere copiato e unificato.

Tuttavia, fu durante l’esplosione artistica in Giappone nel XV secolo quando quest’arte divenne diffusa e standardizzata, con diverse scuole di Ikebana emergenti in tutto il paese. Così, il percorso dei fiori che continua ancora oggi ha un’antica tradizione che si è perfezionata nel corso dei secoli.

Ikebana

SIGNIFICATO DI IKEBANA: L’ARMONIA TRA UOMO, TERRA E CIELO

Al di là della sua evoluzione, l’arte Ikebana conserva l’idea di unità da quelle prime esperienze. Si compone quindi di tre parti differenziate, che rappresentano l’unione perfetta tra uomo, terra e cielo.

Pertanto, un Ikebana consiste sempre di tre parti. Il gambo più alto rappresenta il paradiso, quello centrale rappresenta l’uomo e quello più basso rappresenta la terra. L’uomo è al centro, perché è sempre in equilibrio tra la terra e il cielo ed ha bisogno di entrambi.

L’ARTE DELL’EFFIMERO

Ma in più, Ikebana ha anche una visione filosofica delle cose: chi fa Ikebana (ikebanaka) inizia il lavoro sapendo che quello che fa è effimero. Che la tua composizione floreale non è destinata a rimanere. Quindi, il concetto alla base del sentiero dei fiori è la caducità.

In questo modo, l’arte Ikebana ci collega a una visione della vita che è ancorata al momento presente, alla bellezza di ciò che esiste qui e ora, un concetto legato al buddismo. Anche godendo del processo, indipendentemente dal risultato.

In questo senso, l’idea di trovare il bello nell’imperfetto risuona anche sullo sfondo. Per questo motivo Ikebana si caratterizza anche per essere asimmetrica e prediligere forme irregolari alla struttura. E dai sempre la priorità alla semplicità rispetto al sovraccarico.

Ikebana

COME FARE UN IKEBANA

Detto questo, la grande domanda è: come fare un Ikebana? Gli utensili usati per praticare quest’arte non sono troppo complessi. Sono piuttosto simili a quelli richiesti per qualsiasi lavoro di giardinaggio: forbici da potatura, filo e nastro da giardino.

L’unico artefatto specifico richiesto è la staffa. Mentre questo stile floreale a volte è adatto montandolo in barattoli, vasi o ciotole, un’opzione tradizionale è avere un Kenzan. È una base di piombo su cui si tengono i chiodi, in cui sono posizionati i gambi dei fiori.

Sul Kenzan o sul supporto scelto inizia ad essere assemblato l’allestimento floreale. Come detto prima, questa è composta da tre pezzi o steli, che rappresentano la terra, l’uomo e il cielo. Idealmente, visto dall’alto, l’Ikebana dovrebbe avere una forma triangolare.

L’Ikebana deve essere assemblato in modo tale che, visto da una prospettiva frontale, tutti i suoi componenti siano apprezzati. L’idea di questa sistemazione è di rimanere dove è stata fatta, non di spostarla. Pertanto, è importante pensare molto bene dove verrà posizionato prima di iniziare a prepararlo.

Ora che sai cos’è un Ikebana e come si prepara, ti piacerebbe provarlo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...