Rapporto tra musica, matematica e magia

Musica e magia sono sempre state collegate ed oggetto di studio e discussione sin dai tempi antichi.

Esiste anche una relazione tra musica e matematica e questa relazione si estende di conseguenza al campo della magia e da lì può essere derivata dall’astrologia, dall’influenza planetaria e dai 7 suoni associati a ciascun pianeta.

C’è un’espressione popolare che si riferisce alla musica delle sfere.

Questa espressione popolare deriva da una teoria pitagorica che proclama che esiste una relazione di armonia tra tutti i pianeti, ovvero che esiste una proporzione matematica e quindi musicale tra tutti i pianeti e i loro movimenti rotazionali e traslazionali. Questa musica armonica descrive una sorta di mappa nel cielo che contiene relazioni musicali, poiché, come è noto, la musica ha una struttura matematica.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Tra i suoni ci sono alcune “distanze” che possono essere rappresentate da numeri.

La scala musicale, d’altra parte, è totalmente numerica, quei numeri non sono per l’ esoterismo semplicemente numeri, ma ognuno di essi contiene un concetto, un’idea e la relazione di un numero con un altro è uguale alla relazione di un’idea con un altra, stabilendo relazioni tra numeri e quindi, questo ha portato alla musica, possiamo dire che c’è un intero mondo nascosto dietro ogni melodia.

E quindi la musica essendo il prodotto di relazioni armoniche e matematiche è inevitabilmente legata all’armonia del cosmo e quindi a tutti i fenomeni che si verificano in esso.

La magia usa queste relazioni in vari campi, queste relazioni matematiche sono quindi la fonte in cui la magia attinge, il luogo in cui la magia trova il supporto ideologico per il suo comportamento. E in questo modo possiamo stabilire molte relazioni tra vari aspetti della musica e vari aspetti della magia, nonché la sua corrispondenza con la matematica, cioè i numeri.

Domande che potresti porre riguardo a questo argomento.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Quando parli di magia, intendi la religione?

No, la magia è una cosa e la religione è un’altra, anche se ci sono punti in comune.

È vero che le religioni hanno i loro gruppi più mistici ed esoterici, cioè gestiscono conoscenze nascoste che non sono mostrate ai comuni parrocchiani

La magia è una sorta di compendio di tutte le idee che esistono in relazione a concetti antichi e conoscenza popolare. Questa conoscenza in molti momenti della storia è rimasta nascosta, quindi la magia è strettamente correlata al nascosto.

Ci sono conoscenze che avrebbero dovuto essere nascoste alla maggioranza perché considerate in qualche modo pericolose, queste conoscenze hanno iniziato ad essere divulgate dal XX secolo, vale la pena ricordare che fino a quel momento, concetti che sono molto comuni oggi, come l’energia, il contatto con altri piani di esistenza non erano state discusse se non come semplice contatto con i morti e l’aldilà.

Ma dal XX secolo alcuni pionieri iniziarono a mettere in luce quelle conoscenze che si tramandavano solo dagli insegnanti ai discepoli.

Tra i diversi movimenti esoterici che esistevano dal 1900, vale la pena menzionare come uno dei più importanti quelli guidati da Helena Blavatskiy , che ha creato un gruppo chiamato Teosofia e che era incaricato di scoprire gli antichi misteri esoterici.

Per questo motivo la Blavatsky era molto odiata da coloro che pensavano che questa conoscenza dovesse essere nascosta.

Fu con l’era atomica, cioè dalla fine della seconda guerra mondiale, che l’antica conoscenza cominciò a essere disponibile per tutti.

Questa conoscenza esoterica è molto diversa da qualsiasi religione, anche se mantiene molte connessioni con tutti i concetti religiosi. Tuttavia, la conoscenza mistica o magica non ha un dogma da seguire, ci sono, ovviamente, scuole diverse e ognuna di esse segue un ramo di questa antica conoscenza.

Ci sono anche persone che hanno preso tutta l’antica conoscenza e hanno creato il loro dogma e la loro strada. Pertanto, sono state fondate scuole e sono comparsi diversi insegnanti, che per la maggior parte sono i fondatori di quelle scuole.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Poiché la musica è importante per l’esoterismo, esistono musicisti “speciali” in questo senso?

Potremmo dire che qualsiasi arte è connessa con la magia, cioè l’arte vera implica una profonda connessione con lo spirituale, quindi si connette con certe energie che sono molto profonde.

Tuttavia, è anche vero che un musicista può o meno essere un mago. In altre parole, per essere un mago non è necessario essere un musicista e viceversa

La musica può essere una struttura fredda che unisce i suoni in un modo un po’ programmato o può connettersi con l’anima.

Possiamo anche ascoltare la musica in vari modi, semplicemente sentendo la melodia o approfondendo i significati che ci dà collegando i suoni con l’anima.

C’è un linguaggio che la musica ha che si collega direttamente con lo spirito. Non tutti possono capire quella lingua e trarre vantaggio da tutto ciò che offre.

Il musicista ha il potere di connettersi con il piano dei suoni e i suoni possono aprire il cuore del musicista e altri centri energetici, ma questa canalizzazione non può sempre essere effettuata senza conseguenze negative.

È noto che ci sono molti musicisti che abusano di droghe, forse perché c’è una sensibilità che viene risvegliata e che non si sa come incanalare correttamente, il mondo di tutti i giorni come lo conosciamo, quel mondo che è troppo materialista, non può connettersi direttamente con la musica ed il suo messaggio. I musicisti spesso cadono in depressione contrastando la meravigliosa vibrazione della musica con il mondo materialista offerto quotidianamente.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Rapporto tra musica, matematica e magia

Ecco alcune relazioni che possiamo stabilire tra questi tre elementi.

Il ritmo

Se c’è qualcosa che è puramente matematico, è il ritmo musicale. Questo può essere misurato e quindi può anche essere scritto proprio come i numeri.

C’è un modo molto semplice e quindi perfetto per descrivere il ritmo per mezzo delle figure, questo è espresso quando si scrive la musica. La verità è che alcune figure rientrano in altre, cioè se segniamo un certo ritmo, altri sotto-ritmi lo contengono.

Questa relazione tra un ordine ripetitivo che è più grande di altri si unisce all’idea esoterica secondo cui c’è sempre qualcosa di più grande o più completo che contiene il resto.

Questa è una delle vecchie leggi.

In altre parole, esiste un macrocosmo che contiene una quantità infinita di microcosmo, proprio come un ritmo contiene ritmi infiniti, e questo è totalmente correlato alla matematica dove un numero è divisibile infinite volte.

La relazione tra un tutto più grande e tutto ciò che può essere contenuto in questo tutto è qualcosa che viene usato nella magia. Si può dedurre, ad esempio, che ogni parte di un organismo vivente contenga altre parti minori e che ognuna di esse vibri a una certa frequenza, la somma di queste frequenze costituisce il tutto, che è l’intero organismo.

La magia può fare un’analogia tra quelle parti, ad esempio quelle di un corpo umano, e le parti di alcune piante e applicare determinate componenti delle stesse per vitalizzare determinate parti del corpo. Le vibrazioni entrano in connessione e producono ( da due ritmi separati) un “ritmo” trasformatore.

Questo è solo un esempio dell’uso di questa connessione tra il ritmo, il tutto, e la magia. E tutto ciò supportato da musica e corrispondenze matematiche.

Da tutto questo si possono dedurre alcune formule esoteriche per creare certe cose, per guarire, per produrre un danno o un incantesimo.

APRI IL TUO NEGOZIO ESOTERICO

Vibrazione del suono

Alcuni esperimenti sono stati fatti producendo una nota e trasformando quella vibrazione in un disegno.

In questo modo, vengono creati alcuni disegni che sono come mandala , perfetti come un cristallo di sale visto al microscopio.

In altre parole, ogni suono, ogni nota vibra a una certa frequenza e ha una certa influenza sull’ambiente.

Questa vibrazione è molto sottile. Tieni presente non sono solo le 7 note musicali, ma tutti i mezzi toni che si trovano tra loro.

Attraverso l’applicazione di suoni in determinati luoghi, persone o oggetti possiamo modificare il campo vibratorio.

Questo era noto agli antichi che quindi hanno creato melodie per i loro rituali.

Queste melodie che potevano essere armoniose o meno all’orecchio o al gusto, creavano semplicemente un certo campo vibrazionale che cercava di modificare in qualche modo l’ambiente e persino di modificare la coscienza di coloro che stavano praticando il rituale o la cerimonia.

Ancora molto attuali per esempio le musiche che vengono definite chiamare “new age”. Queste musiche usano determinate combinazioni di suoni e in molti casi determinate scale. Attraverso questa musica si cerca di creare un ambiente armonioso e una modifica del corpo energetico delle persone.

Non sempre ci riescono, ma la verità è che la vecchia musica tibetana, orientale e dei monasteri aveva questa funzione.
Qui la musica non è stata creata per uno scopo puramente estetico, ma ha cercato di influenzare magicamente l’ambiente.

La scala musicale e i centri energetici

Strettamente correlato a quanto sopra, cioè la modifica del corpo energetico mediante i suoni, è il fatto che ogni nota vibra in un determinato centro di energia, producendo una modifica su di esso.

Questa modifica ovviamente è energetica, cioè non è una modifica che possa essere vista ad occhio nudo, ma dobbiamo sentirla nel nostro corpo o nel caso in cui siamo in piena sintonia con il nostro campo vedremo la modifica attraverso un cambiamento di tono nel chakra di riferimento secondo la nota che viene eseguita.

Ogni centro di energia ha un colore e una nota musicale, c’è una organizzazione naturale delle vibrazioni, quindi inizia con la nota Do nel centro più basso e poi sale fino a terminare con la nota Si nel centro coronarico.

Questo ordine è il più noto ed è quello stabilito nella Kabbalah in cui ogni sefirot, che sono i centri che organizzano l’albero della vita, ha un suono che lo caratterizza.

Nell’antica tradizione cabalistica, si parla anche di una nota superiore, cioè un suono che completa la scala e che viene suonata un’ottava più alta della nota che risuona nel centro inferiore, questo suono della nota Do alta è quello che produce l’unione di tutti i centri e l’illuminazione.

Puoi meditare su ogni centro di energia cantando ogni nota.

Alcuni mantra che cercano di attivare determinati centri sono cantati con quelle specifiche combinazioni di note, in alcuni casi ci sono mantra in cui si ripetono solo più parole con una sola nota, questo è particolarmente usato in alcuni mantra indù e anche in alcuni antichi dei Tradizione giapponese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...