AMULETI, CANDELE E STRUMENTI. CARICARLI, PULIRLI E CONSACRARLI.

È risaputa la necessità di pulire, consacrare e caricare gli strumenti esoterici. Per molti praticanti di magia moderna, questa abitudine è importante quanto mantenere la concentrazione ed alti livelli di magnetismo. In questo articolo vedremo come consacrare i nostri strumenti   

Cos’è la consacrazione e come viene fatta?

Come consacrare e caricare i tuoi strumenti

Molti praticanti attuano il processo di consacrazione degli strumenti magici poco prima di usarli in incantesimi e rituali. Consacrazione è un altro modo per dire “benedizione” o anche l’atto di dare energia a un oggetto. Ci sono molte teorie sulla benedizione degli oggetti che sono state ampiamente tramandate oralmente ed anche in trattati esoterici. Una di queste convinzioni è che la benedizione conferisca allo strumento o all’oggetto l’energia e persino lo spirito della persona che compie la consacrazione. Per comprendere appieno cosa significhi, dobbiamo ricordare che in ogni momento della nostra vita c’è un flusso di energia attorno a noi. La maggior parte degli strumenti rituali ha lo scopo di dirigere questa energia e non può farlo in modo efficace a meno che non siano privati ​​delle loro energie mondane e ricaricati con l’energia purificata e l’intenzione dello stregone o della strega.

MAGGIORI INFORMAZIONI

La pratica della benedizione o del caricamento degli oggetti e strumenti rituali è spesso oggetto di disputa e ancora più spesso di domanda da parte di neofiti che affamati di metodi infallibili si cimentano in procedimenti per rendere imbattibili le proprie bacchette. Sebbene comunque questa sia una pratica largamente diffusa e descritta, non è né universale né obbligatoria. Molte tradizioni di stregoneria infatti non prevedono la consacrazione nei loro rituali ed alcuni praticanti evitano di benedire o consacrare i propri strumenti perché non sentono di averne bisogno. Secondo questo punto di vista, l’energia del mago o della maga passa direttamente ai suoi strumenti senza la necessità di una benedizione o di un atto rituale per caricarli. Questo diverso modo di intendere l’uso degli oggetti determina un punto interessante: la differenza tra dirigere l’energia consciamente e inconsciamente. In breve, se una strega o uno stregone sente la necessità di consacrare i suoi strumenti o oggetti rituali, allora dovrà farlo.  Quindi la scelta non è obbligata e dipende unicamente dal praticante secondo il proprio modo di direzionare l’energia.

PARTECIPA AL FESTIVAL DELL’ESOTERISMO! CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Stregoneria e suoi strumenti

È bene chiarire che lo strumento in quanto tale non possiede alcun potere e che costituisce semplicemente un oggetto, un supporto perché tutti gli strumenti di cui uno stregone o una strega hanno veramente bisogno sono quelli con cui sono nati. Facoltà naturali che devono essere nutrite, comprese e potenziate.

Nonostante questa premessa gli oggetti di lavoro nella magia sono importanti e spesso intrecciano un legame invisibile con chi li possiede. Molti decidono di costruire e personalizzare i propri strumenti per avere un legame ancora più forte e dei risultati che diventeranno indipendenti da come e quanto questi strumenti vengano caricati. Comprendere i propri strumenti e sapere come usarli correttamente è uno degli aspetti più importanti della magia.

Il nostro potere non ha bisogno di bacchette ma può essere riversato in esse..

COME SCELGO I MIEI STRUMENTI?

Un buon modo per scegliere gli strumenti è aspettare che qualcuno ci chiami. Sentirsi irragionevolmente attratti proprio da quella bacchetta, da quel ramo o da quell’ athame è generalmente il segnale dell’inizio del rapporto con quel particolare oggetto. Si può anche iniziare a usare il dito come una bacchetta o un athame, funzionerà altrettanto bene e anche meglio di qualsiasi strumento costoso. Spesso la necessità consumistica ci induce a credere di aver bisogno di oggetti costosi per praticare la magia ma non è così. La magia è in noi ed in quello che decidiamo di usare per accompagnarci.

Si deve sempre tenere a mente che la stregoneria era originariamente praticata dagli abitanti delle campagne e che queste erano persone che non avevano tempo o denaro per acquistare strumenti speciali per i loro incantesimi. Il coltello con cui mangiavano era lo stesso coltello usato per il rituale. Avevano capito da subito che non è lo strumento che porta chiuso in sé il potere, ma la strega o lo stregone.

Come consacrare gli strumenti rituali

È anche importante il forte impatto emotivo per chi si avvicina alle pratiche magiche che gli strumenti offrono aiutando ad entrare con più concentrazione nella mentalità del rituale.  Gli strumenti simbolici, con significati speciali, saranno molto utili per le pratiche magiche. Ecco perché molte persone e decidono di creare i propri strumenti. Ad esempio, la tua bacchetta con un ramo di un albero.

Perché dovrei consacrare i miei strumenti?

Consacrando lo strumento, stai focalizzando l’energia verso e attraverso lo strumento. L’atto per esempio di decorare ed intagliare la maniglia di una bacchetta non solo porta a creare il legame ma il tempo impiegato per la lavorazione e l’atto di lavoro sulla stessa aiuta a concentrare ed incanalare la nostra energia sulla bacchetta. 

Quando creiamo da soli uno strumento stiamo letteralmente impiegando le nostre forze interiori per uno scopo futuro . Lavoriamo materialmente ed emotivamente alla preparazione al solo scopo di usare l’oggetto in questione per i rituali e per le nostre pratiche. Occorre quindi costruire ma anche trattare i nostri oggetti rituali con cura e rispetto in quanto i nostri strumenti riflettono il nostro comportamento nei confronti delle pratiche magiche e della vita in generale.

TERRA – ARIA- ACQUA-FUOCO

Rituale di consacrazione degli utensili

La consacrazione è un processo semplice, a cui però deve necessariamente essere dedicato il giusto tempo. L’obiettivo è connettersi con lo strumento e focalizzare l’energia su di esso e questo procedimento non è una cosa che possa essere fatta frettolosamente o nei ritagli di tempo.

Anche se si possiedono più strumenti sono da evitare le “benedizioni o consacrazioni di gruppo” Lavorando singolarmente sugli oggetti inoltre avremo modo di esercitarci sulla proiezione del cerchio di protezione e sul mantenimento della concentrazione necessaria per svolgere i rituali.

Quindi, per consacrare uno strumento, inizia creando il tuo cerchio di protezione . 

Una volta stabilito lo spazio sacro, avremo bisogno di acqua, sale, carbone e incenso per la consacrazione. L’idea è di consacrare lo strumento con i quattro elementi.

L’acqua è l’elemento Acqua, il sale è Terra, il carbone è Fuoco e l’incenso è Aria. La nostra presenza sarà lo Spirito.

Preparazione rituale

Per la preparazione, aggiungere sale all’acqua, accendere il carbone e aggiungere l’incenso al carbone una volta acceso.

Questo procedimento iniziale dovrebbe essere fatto già in atteggiamento da rituale.  Ad esempio, si userà l’ Athame o la nostra lama preferita come pala per mettere il sale nell’acqua. Il sale dovrà essere messo in acqua per tre volte.

Avvicinare la lama all’acqua e focalizzare l’energia attraverso la lama verso l’acqua.

Nel frattempo visualizzare una luce blu o bianca che entra nell’acqua dal nostro braccio, passando attraverso lo strumento. Immaginare come aumenta la sua intensità. Far brillare l’acqua con l’energia, poi dire:

“Creatura dell’Acqua e della Terra, questo fardello ti do.
Non c’è nulla di male nella tua presenza vivente,
non in linea con me.
Con i poteri di Aria, Fuoco, Terra e Acqua,
così sia! ”

Rituale per consacrare gli oggetti

Entrambi utilizzati spesso vengono confusi…

Disegnare un pentagramma in acqua con la lama. Soffiare un po ‘d’aria nel carbone e lasciarlo bruciare fino a quando diventerà rosso.

Aggiungere più incenso al carbone vivo, concentrare l’energia su incenso e carbone e come fatto con acqua e sale e dire:

“Creatura di fuoco e aria, questo fardello ti do.
Non c’è nulla di male nella tua presenza vivente,
non in linea con me.
Con i poteri di Aria, Fuoco, Terra e Acqua,
così sia! ”

Di nuovo, disegnare un pentagramma, questa volta nell’aria sopra l’incenso che brucia, con la punta della lama in posizione verticale e rivolta verso il carbone.

Mentre carichiamo ciascuno di questi oggetti, concentrarsi sull’espulsione di qualsiasi energia negativa o indesiderata dall’acqua o dall’incenso. Stiamo consacrando i simboli di ciascuno dei quattro elementi.

 L’acqua salata, il carbone e l’incenso sono ora consacrati e pronti per l’uso nel rituale.

Le parole dell’incantesimo possono essere modificate con delle formule che si sentano più affini. Non sono le parole che sono importanti infatti, ma l’intenzione, il pensiero e la volontà dietro di loro.

Osservare il fumo dell’incenso focalizza la concentrazione

Consacrare lo strumento

Prendere lo strumento da consacrare, qualunque esso sia, e tenerlo tra le mani. Trascorrere del tempo sentendo lo strumento, imparando la sua forma e il suo peso con le mani.

Questo strumento sarà qualcosa che userai in tutti i tuoi incantesimi. Devi conoscerla intimamente.

Tienilo, toccalo, accarezzalo, qualunque cosa serva per conoscere bene lo strumento. Impara e conosci ogni curva, bordo e angolo dello strumento.

Questa parte della consacrazione può richiedere 30 minuti o più.

Dopo aver stabilito un contatto con lo strumento, continuare a tenere lo strumento e meditare su come lo utilizzeremo. Visualizzare noi stessi usando lo strumento nei rituali. Praticare e mimare i movimenti per sentire, per esempio la bacchetta rispondere. È come fare amicizia. Occorre conoscersi per creare la sintonia giusta.

Consacrare e caricare oggetti con energia

Dobbiamo lasciare che lo strumento stesso ci dica se stiamo facendo i movimenti giusti. Dobbiamo imparare a “sentire” con tutti i nostri sensi e con tutto il corpo. Il nostro strumento deve diventare un’ estensione del nostro corpo ma anche del nostro spirito. Tenerlo in mano e direzionarlo dovrebbe diventare facile e naturale come se lo stessimo facendo con il nostro dito. Anche questo processo richiederà del tempo e non può essere affrontato di fretta o con superficialità..

Ora che abbiamo reso lo strumento parte di noi stessi, è tempo di presentarlo ai quattro elementi. Per questo, lo cospargeremo con gli Elementi. Gli strumenti di piccole dimensioni possono essere immersi in acqua e sale, gli strumenti più grandi, come un bastone del potere o una spada, possono essere tamponati o imbevuti di acqua e sale.

Questa è letteralmente una pulizia rituale e dovrebbe essere svolta come tale. Stiamo pulendo magicamente e ritualizzando lo strumento con sale e acqua.  La pulizia dovrà essere lenta, coscienziosa e consapevole. Assicuriamoci di asciugare gli strumenti in tutte le loro parti sopratturro quando si tratta di oggetti di legno o di metallo.

Le parole della consacrazione possono essere ripetute a piacere quante volte si desidera e soprattutto se questo aiuta la nostra mente a mantenere la concentrazione. Dopo aver asciugato lo strumento, lo passeremo attraverso il fumo dell’incenso.

Guardare il fumo che si avvolge attorno allo strumento e accompagnarlo con la mano. Dobbiamo tenere presente che stiamo pulendo l’energia dello strumento e lo stiamo proteggendo e lo terremo a contatto con il fumo fino a quando non sentiremo intimamente che sia completamente pulito e protetto. Dobbiamo imparare a fidarci sempre delle nostre sensazioni e percezioni.

Possiamo dedicare lo strumento a un Dio o una Dea specifici dopo averlo presentato agli Elementi. Possiamo anche semplicemente dire “Gli dei”, se non abbiamo scelto Divinità specifiche oppure rivolgerci all’energia universale o a ciò che le nostre credenze ci indicano.

Teniamo semplicemente lo strumento come offerta e diciamo loro che abbiamo consacrato questo strumento al loro servizio. Ancora una volta, ascoltiamo con tutti i nostri sensi e sapremo se vogliono che sappia qualcosa. Dopo aver consacrato lo strumento, diciamo grazie con un vero e profondo senso di gratitudine.

Grazie anche ai quattro elementi e chiudiamo il tuo cerchio. Abbiamo già consacrato il nostro strumento.  Questo rituale se svolto correttamente stanca molto e sarà bene mangiare e bere dopo aver concluso.

Pulizia spirituale di oggetti e strumenti

La pulizia spirituale di un oggetto è esattamente ciò che implica la parola: lo stiamo pulendo. La differenza è che non lo stiamo pulendo a livello fisico (anche se possiamo sicuramente farlo prima). Quello che stiamo cercando di fare è purificare l’oggetto a livello spirituale, a livello di energia.

La pulizia dissocia gli elementi dalle loro vibrazioni passate. Quando si trovavano nel luogo in cui li abbiamo raccolti o in un negozio, le persone l’hanno toccato, è stato trasportato, messo su uno scaffale dove ha raccolto polvere, insieme a energie diverse. Ciò che cerchiamo di fare è di sintonizzare l’oggetto con le nostre energie o quelle che conducono ai nostri obiettivi eliminando le code rimaste.

Esistono diversi modi per pulire un oggetto:

  • Brucia un incenso purificante come salvia o palo santo e passa l’oggetto attraverso il fumo.
  • Seppellisci l’oggetto nel terreno per un po ‘, o in una ciotola di sale o farina di mais.
  • Immergere in acqua salata o cospargere con acqua salata.
  • Tienilo per un po’ sotto l’acqua corrente.
  • Scuotilo sopra la fiamma di una candela o mettilo sul fuoco.
  • Elimina la negatività spazzando con una scopa consacrata.

Pulizia spirituale degli oggetti

È una buona pratica pulire spiritualmente cose nuove prima di usarle per scopi rituali, o di tanto in tanto pulire le nostre cose come gioielli, cristalli, strumenti per altare , specialmente se sono stati usati molto o non sono stati usati per un po ‘.

Caricamento di oggetti con energia

Caricare qualcosa significa trasmettere la nostra energia. Potremmo dare all’oggetto energia positiva o caricarlo in modo che le sue energie siano allineate con uno scopo specifico. Ad esempio, nella magia con le candele , possiamo caricare la candela per allinearla con lo scopo dell’incantesimo.

Questo procedimento richiede la generazione di energia che dovrà essere direzionata verso l’oggetto.  Anche in questo caso, il metodo scelto può dipendere in gran parte dalle nostre preferenze o dall’elemento che stiamo caricando. Vediamo alcuni esempi:

  • Strofinare ripetutamente le candele con olio.
  • Danzare, cantare, meditare, ecc. per aumentare la tua energia e poi riversare quell’energia nell’oggetto con una potente visualizzazione .
  • Posiziona l’oggetto sotto il sole tutto il giorno per caricarlo con l’energia del sole.
  • Metti l’oggetto sotto la luna piena tutta la notte per caricarlo con il potere lunare .
  • Posiziona l’oggetto su un cristallo di energia per un giorno o qualche giorno per assorbire la sua energia.
ESOTERICA FESTIVAL. NON PERDERE L’APPUNTAMENTO A MARZO! CLICCA PER INFO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...