Venerdì 13: il suo significato e l’origine del mito della sua sfortuna

superstizioni


Cosa c’è dietro questa giornata piena di stigma.

Sfortuna, sventura, fatalità… Per chi è scaramantico -o non tanto- 13 non è un numero fortunato . E se viene abbinato a un giorno di venerdì , la fama è ancora peggiore.

Il mito assicura che un venerdì 13 Eva tentò Adamo con la mela; che una confusione costrinse ad abbandonare la costruzione della Torre di Babele; e che il tempio di Salomone fu raso al suolo. Dicono anche che in quel giorno crocifissero Gesù Cristo.

Se fosse martedì 13 , molti direbbero “non sposarsi e non imbarcarsi” credendo comunque nell’aspetto negativo della giornata. Tuttavia, è più frequente, dare più importanza all’ultimo giorno della settimana lavorativa e farne il paradigma della sventura.

​Con abitudini che vanno dall’iniziare con il piede giusto all’essere estremamente attenti o non prendere decisioni importanti, molti temono il venerdì 13 e agiscono di conseguenza.

E come se non bastasse, questa giornata ha un vantaggio , poiché è l’unica che ha una sua fobia: Paraskevidekatriaphobia -come il suo nome scientifico- deriva dal greco ed è la somma di tre parole: paraskevi (venerdì) , dekatria ( tredici) e fobia.

Cosa nascondono il venerdì?
Il venerdì è assegnato a Venere , la dea femminile dello zodiaco, la dea dell’amore, del piacere, della bellezza e del godimento; la dea che rappresenta l’amore erotico e la femminilità lussuriosa.

Per molti, come il martedì, il venerdì è Halloween . La storia dice che la vera origine di questa superstizione sarebbe una storia della mitologia scandinava.

Nel momento in cui le tribù di quella regione si convertirono al cristianesimo, Friga -la dea dell’amore e della fertilità- fu bandita e accusata di essere una “strega” .

Si credeva che, provando risentimento per questa situazione, ogni venerdì si riunisse con altri 11 colleghi e lanciasse incantesimi per rovinare la settimana successiva.

La “maledizione” del 13
Si dice che il significato negativo del numero 13 abbia avuto origine in tempi recenti, tuttavia, le sue tracce malvagie possono essere trovate fin dall’antichità.

I babilonesi designarono il loro tredicesimo mese di anni bisestili come “corvo sfortunato” e i cinesi lo chiamarono “il signore terribile”. Nella Bibbia, la fine del mondo inizia nel 13° capitolo dell’Apocalisse.

Il 13 si riferisce anche a Giuda, il tredicesimo partecipante all’ultima cena e, quindi, il numero indica la morte di Cristo (e di tutti).

In un luogo remoto come la Scandinavia esiste anche una tradizione simile: secondo l’antica mitologia, il dio Baldur fu ucciso da una freccia mentre i 12 grandi Dei erano seduti a tavola. È stato invitato a cena e non ce l’ha fatta.

La maledizione del 13 può anche avere a che fare con la carta dei Tarocchi che porta quel numero.

Questa carta si chiama Arcano XIII e sulla sua targa c’è solo il numero, non ha scritta la parola morte , semplicemente per non nominare o vedere ciò da cui il mondo intero pare fuggire. È rappresentata da uno scheletro, che porta nella mano sinistra una falce con la quale taglia teste ed erbe.

In senso simbolico, il 13 è sfortunato perché ci porta oltre il 12 , che è considerato una specie di numero “perfetto”, che simboleggia lo zodiaco e, quindi, l’Universo.

13 rovina la perfezione di 12 perché significa una nuova creazione.

In questo senso, ci sono dodici segni dello zodiaco attraverso i quali transita il Sole in un anno e 13 quelli che transita la Luna .

Il numero 13 è associato al ciclo lunare , cosa che è sottovalutata nella nostra cultura patriarcale. Quindi, negativamente, possiamo vedere che il 13 è un simbolo di femminilità trasgredita da tanta razionalità e mascolinità.

Nel calendario lunare annuale , è nell’ultimo mese, il 13, quando si verifica la morte del Sole , il solstizio d’inverno.

Nelle culture che difendono l’idea di un processo ciclico della vita in cui si nasce e si muore continuamente, non è un problema che il Sole muoia, perché nei giorni successivi rinascerà .

Tuttavia, nelle culture patriarcali in cui esiste una concezione lineare del tempo, difendendo l’idea che ci sia un inizio e una fine definitivi, quella fine può essere vissuta in modo più terribile .

Inoltre, in quelle culture patriarcali che antepongono il principio di un Sole “costante” all’esistenza di una Luna più variabile , l’apparente “morte” dell’asse centrale delle loro vite significherebbe una catastrofe.

Qual è il significato di venerdì 13?
Chi indaga sul tempo del matriarcato parte dal presupposto che il 13 fosse in origine un numero sacro che si trasformò con l’avvento del patriarcato in un numero “diabolico”, proscritto e temuto .

Ne è prova il fatto che i primi calendari furono i calendari lunari , secondo i quali si regolano le festività di quasi tutte le religioni.

Con l’introduzione del calendario solare il numero dodici diventa sacro, mentre il 13 viene maledetto , come spesso accade con tutti i valori religiosi delle culture antiche, poiché il modo più efficace per screditare questi principi è equipararli alla disgrazia .

Da allora, la Luna, Venere, la notte e il numero 13 costituiscono un gruppo emarginato di simboli mentre il gruppo maschile è formato dal Sole, dal giorno e dal numero 12.

Quindi, venerdì 13 può essere un buon momento per esprimere i nostri sentimenti, regalare emozioni che non oseremo in nessun altro giorno . E potremmo anche ritrovarci con il femminile -così attaccato- e dargli uno spazio nella nostra vita.

About E.E. Magazine

Un gruppo di giornalisti, scrittori, blogger, appassionati di marketing, costume e cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *