Venerdì 13: la verità dietro una giornata piena di superstizioni


Avvolto nei miti, questo è il secondo venerdì 13 del 2020 . Dal pregiudizio su un numero sfortunato al calendario lunare: la storia e le stimmate che circondano un giorno che … Porta sfortuna?


Fatalità, sfortuna, … Per superstiziosi (e non tanto) il 13 non è un buon numero. E se questo numero è combinato con un venerdì , la fama è ancora peggiore.

Con atteggiamenti che vanno dal partire con il piede giusto alla cura estrema e al non prendere decisioni importanti, molte persone temono venerdì 13 e agiscono di conseguenza.

Martedì 13 o venerdì 13?
Entrambi considerati “giorni delle streghe”, sia il martedì che il venerdì 13 portano cattivi presagi. La differenza dipende solo dal paese in cui ti trovi.

Negli Stati Uniti , ad esempio, il giorno più temuto è il venerdì, mentre in America Latina e Spagna è il martedì . E una curiosità: in Italia il giorno della sfortuna è storicamente ricondotto al venerdì 17.

Ma c’è una spiegazione basata su un evento specifico o la sfortuna del venerdì 13 è solo un mito universale?

L’idea che venerdì 13 sia un giorno a dir poco sfortunato ha le sue radici in un evento storico fondamentale avvenuto venerdì 13 ottobre 1307 , al tempo dei Templari.

Accade così che quel giorno la Santa Inquisizione catturasse e arrestasse l’ordine dei Cavalieri Templari a Parigi. Fu un grande massacro, in cui tutti i Templari furono bruciati sul rogo.

L’idea del venerdì 13 come giorno “sfortunato” ebbe origine nel 1307, al tempo dei Templari.

Quelli che hanno “allargato” il mito …
Anche la letteratura e il cinema hanno dato il loro contributo al “terrore” che questa giornata genera. Negli anni ’80, il regista americano Sean Cunningham approfitta della paura dei superstiziosi per creare Friday the 13th (“Friday the 13th”), il famosissimo film horror in cui il piccolo Jason annega e produce una serie di crimini .

Il film – ora un cult per i fan – è stato presentato in anteprima venerdì 13 giugno 1980 e ha reso Jason Voorhees uno dei personaggi horror più famosi nella storia del cinema. Il film è stato ispirato dal libro “Friday, the 13th”, pubblicato da Thomas Lawson nel 1907.

Le origini della cattiva reputazione del 13
Da un lato, si dice che il significato negativo del numero 13 sia sorto in tempi recenti, tuttavia possiamo già trovare le sue tracce malvagie dai tempi antichi.

I babilonesi designarono il tredicesimo mese di anni bisestili come “corvo sfortunato”, ei cinesi lo chiamarono “lord dire”. Nella Bibbia, la fine del mondo inizia nel 13 ° capitolo dell’Apocalisse.

Il 13 si riferisce anche a Giuda, che fu il tredicesimo partecipante all’Ultima Cena e, quindi, il numero indica la morte di Cristo (e di tutti). Venerdì 13 è particolarmente sfortunato perché Cristo è morto di venerdì.

In confini totalmente lontani come la Scandinavia esiste anche una tradizione simile: secondo l’antica mitologia, il dio Baldur fu ucciso da una freccia mentre i 12 grandi Dei erano seduti a tavola. È stato invitato a cena e non ce l’ha fatta.

Per altri, la distruzione della Torre di Babele è avvenuta il 13, motivo per cui è anche associata a tutti i tipi di distruzione.

La maledizione del 13 potrebbe anche avere a che fare con la carta dei Tarocchi che porta quel numero. Questa carta si chiama Arcano XIII e la sua targa ha solo il numero, la parola morte non è scritta, semplicemente per non nominare o vedere quella parola. È rappresentata da uno scheletro, che porta nella mano sinistra una falce con la quale taglia teste ed erbe.

In senso simbolico, il 13 è sfortunato perché ci porta oltre il 12, che è considerato una sorta di numero “perfetto”, simboleggia lo zodiaco e, quindi, l’Universo. Il 13 rovina la perfezione del 12 perché significa una nuova creazione.

Allo stesso modo, ci sono dodici segni dello zodiaco attraverso i quali il Sole transita in un anno e 13 in cui transita la Luna . Il numero 13 è associato al ciclo lunare, che nella nostra cultura patriarcale è sottovalutato. Quindi, negativamente, possiamo vedere che 13 è un simbolo di femminilità trasgredita da tanta razionalità e mascolinità.

Nel calendario lunare annuale , è nell’ultimo mese, il 13, quando si verifica la morte del Sole, il solstizio d’inverno. Nelle culture che difendono l’idea di un processo vitale ciclico in cui si nasce e si muore continuamente, non è un problema che il sole muoia, poiché nei giorni successivi rinascerà.

Tuttavia, nelle culture patriarcali in cui esiste un concetto lineare di tempo, difendendo l’idea che ci sia un inizio e una fine definitivi, quella fine può essere vissuta in un modo più terribile. Inoltre, in quelle culture patriarcali che antepongono il principio di un Sole “costante” all’esistenza di una Luna più variabile, l’apparente “morte” dell’asse centrale della loro vita sarebbe una catastrofe.

E cosa succede il venerdì?
Il venerdì è assegnato a Venere , l’altra dea femminile dello zodiaco, la dea dell’amore, del piacere, della bellezza e del godimento; la dea che rappresenta l’amore erotico e la femminilità lussuriosa.

Chi indaga sull’epoca del matriarcato parte dal presupposto che il 13 in origine fosse un numero sacro che si è trasformato con l’arrivo del patriarcato in un numero “diabolico”, fuorilegge e temuto. Prova di ciò è il fatto che i primi calendari fossero in effetti i calendari lunari, secondo i quali erano governate le festività di quasi tutte le religioni.

Con l’introduzione del calendario solare, il numero dodici diventa sacro, mentre il numero 13 è maledetto, come spesso accade con tutti i valori religiosi delle culture antiche poiché il modo più efficace per screditare questi principi è equipararli alla disgrazia.

Da allora la Luna , Venere , la notte e il numero 13 compongono un gruppo marginale di simboli mentre l’insieme maschile è formato dal Sole, dal giorno e dal numero 12.

Quindi, venerdì 13 può essere un buon momento per esprimere i nostri sensi, per trasmettere emozioni che non oseremmo in nessun altro giorno. E potremmo anche incontrare di nuovo la – così demonizzata – femmina e dargli uno spazio nella nostra vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...