Antipatie del passato: relazioni conflittuali che provenivano da altre vite

Antipatie del passato: relazioni conflittuali che provenivano da altre vite

L’idea del ricongiungimento con la nostra anima gemella o qualcuno con cui abbiamo vissuto una storia d’amore in passato è magica e riempie il cuore di incoraggiamento e speranza. Tuttavia, e secondo la teoria della reincarnazione, sappiamo che abbiamo un’alta probabilità di reincarnarci anche con le persone con cui viviamo storie che non sono finite bene, e con le quali portiamo “karma” da risolvere. Queste sono spesso le persone a noi più vicine: madre, padre, fratello, sorella, con le quali abbiamo dei conflitti che non riusciamo a spiegare e che sembrano precedere la nostra stessa storia.


È facile capire, se crediamo nella reincarnazione, che l’anima, nel suo costante scopo evolutivo, sceglie di incarnarsi successivamente con quelle anime con le quali ha vissuto storie notevoli in altre vite. Solo in questo modo avrai l’opportunità, nella prossima vita, di guarire e risolvere ciò che non è stato risolto in una vita passata. Per questo motivo, molti teorici sostengono che l’anima si incarni successivamente con lo stesso gruppo di anime. Sebbene, di vita in vita, i ruoli che vivono cambino – il loro padre in questa vita potrebbe essere stato, in una vita precedente, il loro figlio – le anime continuano a incarnarsi molto da vicino, accompagnandosi durante gran parte della loro permanenza sulla Terra. Ma questo non significa che la convivenza sia pacifica (né che tutte le persone intorno a noi siano sempre le stesse anime, vita dopo vita).

Come possiamo identificare una “mancanza d’amore” in un’altra vita?
Alcuni segni possono aiutarci ad accertare se una relazione conflittuale possa derivare da un’incarnazione passata. Tuttavia, solo con un consulto di Regressione possiamo chiarire, analizzando in dettaglio il nostro caso con il giusto monitoraggio, quali siano i veri blocchi che portiamo dalle altre vite, ovvero i conflitti con le persone che ci sono vicine.

Tra gli aspetti che ci lasciano pensare alla possibilità che questa “disaffezione” sia anteriore alla nostra nascita, uno dei più forti è quell ‘”allarme interno” che sembra scattare inaspettatamente a una parola dura, un atteggiamento egoistico, un gesto inspiegabile:

Perché questa persona non mi piace? Perché, qualunque cosa io faccia, niente è sufficiente o buono per lei? “
Ti è certamente capitato di incontrare qualcuno e di provare subito antipatia per l’energia di quella persona. Oppure, anche senza avere ragioni concrete per non conoscerla bene, non potersi fidare di qualcuno. Attenzione, abbiamo tutti un’intuizione e un istinto che ci guidano (anche se non tutte le persone li seguono) e che ci avvisano di un potenziale pericolo, per qualcuno che non è di buon carattere o che non è degno della nostra fiducia. Tuttavia, ci sono casi e persone che, anche senza farci del male, semplicemente non sembrano accontentare il nostro “allarme interno”. Questo può anche essere un potente indicatore che quella persona, in un altro corpo, in un’altra vita, ha avuto una storia con noi che non è finita bene … o che non è finita.

Ma la stessa cosa può succedere al contrario: forse ti è già capitato di incontrare qualcuno che, senza che tu ne possa capire il motivo, sembra sempre essere contro di te, critica le tue idee, anche essendo duro o antipatico con te.

Se quotidianamente queste situazioni, anche se spiacevoli, sono relativamente facili da gestire, diventano molto più complicate quando si verificano nel nostro nucleo più vicino. È il caso di un padre o di una madre che sembra avere un “imbarazzo” inspiegabile con un determinato figlio, o di un bambino che non va d’accordo con uno dei genitori (o entrambi), senza avere, oltre alla loro crescita ed educazione, un motivo che possa giustificarlo. Può essere anche il caso di fratelli che sembrano odiarsi fin dalla nascita, o di quelle coppie che, dopo i primi giorni di passione, entrano in un’eterna spirale di conflitti, e che, anche separati, continuano ad alimentare l’odio reciproco, con tale intensità che questa rabbia sembra essere un potente collegamento (quei casi di “né con te né senza di te”).

In queste situazioni c’è un punto molto importante, essenziale per sciogliere questo nodo karmico che ti tiene: indipendentemente dall’atteggiamento dell’altra persona, TU HAI IL POTERE DI SCEGLIERE IL PERDONO. Se nel tuo cuore riesci a mantenere sentimenti positivi nei suoi confronti, non le stai facendo alcun favore, man lo stai facendo a te stesso. Ti stai liberando da quella situazione negativa, lasciandola andare, guarendola. E se puoi farlo, non dovrai affrontare quella persona in modo negativo in un’altra vita, perché la tua “spina” sarà finalmente guarita.

Quando ci feriscono ma noi non ripaghiamo con la stessa moneta (il che è MOLTO diverso dal permettere a qualcuno di maltrattarti in qualche modo o di renderti una vittima!), Quando ce ne andiamo senza risentimento, semplicemente accettando che quella persona non abbia ancora imparato la lezione che entrambi devono imparare, l’energia universale non ci lascia mai indifesi e si assicura sempre che ci siano altre porte da aprire nella nostra vita, altre fonti di luce che possano guidare la nostra anima nei momenti più bui. Quando, invece di alimentare rabbia e odio, attrito e ostilità, sappiamo come prendere le distanze da quella persona o situazione e provare sentimenti di compassione nei suoi confronti, ci stiamo evolvendo come anime nel nostro viaggio interiore verso la Luce. Siamo più evoluti di lei, che rimane bloccata da testardaggine, risentimento, sentimenti negativi e distruttivi.

Il primo passo da compiere in queste situazioni è smettere di essere un bersaglio. Dandoti l’opportunità di continuare a farti del male, alimenterai più karma, più nodi da sciogliere in futuro. Allontanati il ​​più possibile da quella situazione e impara a rimanervi indifferente. Se sai già che quella persona, anche se è una persona molto vicina, non sarà gentile con te, stai lontano da lui. Accetta che sia così e che non puoi fare nulla. Non lasciare che ti ferisca di più, anche se è un padre o una madre. Chiedi aiuto a qualcuno che possa riportarti l’autostima che spesso perdiamo a causa degli attacchi degli altri. Il supporto di un terapista può essere essenziale. Accetta te stesso e accetta che tutti noi commettiamo errori e fallimenti: solo perdonando i nostri errori e le nostre imperfezioni possiamo essere in grado di perdonare gli altri. Chiedete aiuto, qualunque sia la vostra fede: la preghiera è un potente scudo contro le energie negative, difendendoci da ciò che non ci fa bene. Guarisci il tuo cuore senza aggrapparti a un passato che ti ha ferito. Concediti un’opportunità per essere felice: ora.

Rispondi