Ecate: la dea delle tre facce

Ecate è una dea complessa con una lunga storia. È la dea della stregoneria, una guida lungo la strada e la custode universale delle chiavi. C’è molto da imparare su Ecate dalle informazioni letterarie, ma affinché una strega conosca davvero Ecate, deve sperimentarla. Questo articolo fornisce una breve introduzione alle informazioni su Ecate, seguita da indicazioni generali per sperimentarne la visione personale.

Chi è Ecate?

Chi è Ecate Dea delle streghe

Ecate è una dea complessa e molto semplice allo stesso tempo. Ha molte abilità, ma è anche la fonte di pura energia. Lei è antica e contemporanea. È conosciuta da una moltitudine di nomi, che vanno dall’anima del mondo alla dea delle streghe. È anche la custode delle chiavi dell’Universo. Simbolicamente, le sue mani reggono tutto ciò che esiste. Attraverso i nostri sforzi, possiamo ottenere una delle sue molte chiavi.

La sua energia è intimidatoria ma accessibile. Incontrare Ecate è spesso un’esperienza molto intima, rara, fugace e spesso intensa. Le persone hanno convinzioni diverse su Ecate che cambia con i tempi, ecco perché si chiama Ecate, la regina dai mille nomi. La maggior parte delle nostre conoscenze su Ecate proviene da fonti antiche.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Ecate nell’antichità

Le origini di Ecate risiedono nelle nebbie di un passato lontano. Le prime notizie di Ecate arrivano dall’Asia Minore e da alcune parti dell’Europa orientale. Da queste regioni, il suo culto si diffuse nell’antica Grecia, dove fu vista come una Titana. Zeus gli diede il dominio sulla terra, sul mare e sul cielo, secondo la Teogonia di Esiodo (circa nell’VIII secolo a.C.).

Gli antichi Greci adoravano Ecate in vari modi, in particolare, era vista come una matrona che si occupava delle case. È da questo ruolo che è cresciuta la pratica contemporanea comune di fare offerte durante la luna oscura e quindi è conosciuta come Ecate, la dea del lato oscuro della luna. Nell’antica Grecia, fu concessa una cena per Ecate, di solito a un bivio a tre vie, chiedendo il suo favore per il mese successivo. La sua associazione con il numero tre si diffuse e la fece vedere come una dea tripla.

Ecate: La Dea triplice

Durante questo periodo nacque anche la sua immagine di dea degli inferi. Nell’inno omerico di Demetra, Ecate risponde alle urla di Persefone quando nessun altro lo fa. Diventa la guida di Persefone tra gli inferi e la guida degli umani, usando le sue torce per illuminare la strada durante il viaggio. Ecate come portatore di torcia o lampada divenne uno dei temi dominanti delle sue apparizioni durante i tempi antichi.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Custode delle chiavi

Durante questo periodo fu anche scritto l’inno orfico ad Ecate. In questa poesia, ad Ecate vengono assegnate molte responsabilità, tra cui l’essere il detentore della chiave universale:

I molti ruoli dell’antica Ecate

Da fonti antiche, sappiamo che Ecate era vista come una dea liminale, trovata tra i mondi, in particolare sulla soglia della vita e della morte. Gli furono dati molti (più di 200) epiteti, tra cui Madre di tutti, Regina, Salvatrice, Signora dei cadaveri e Anima del mondo. La varietà di titoli assegnatigli dagli antichi sembra spesso contraddittoria. Dobbiamo considerare due cose. Uno è che gli antichi scrittori avevano opinioni ampiamente divergenti su Ecate. L’altro è che Ecate è sempre stata una dea complessa con molteplici ruoli e abilità.

L’importanza dell’antica Ecate

Sebbene non sapremo mai con certezza l’entità della sua adorazione tra gli antichi Greci, ci sono prove che suggeriscono che fosse una dea importante, in particolare tra la gente comune. Inoltre, ci sono molte monete antiche, statue e altre opere d’arte che raffigurano Ecate durante questo periodo.

Scritti sull’antica Ecate

L’antico papiro greco, un antico testo che unisce divinità greche, romane ed egiziane, ritrae Ecate come una dea a tutti gli effetti.  È anche vista come una dea della luna. Ci sono altre fonti che indicano che alcuni la vedessero come la dea della tripla luna.

Ecate degli oracoli caldei, scritto dopo i testi precedenti, è una figura complessa in cui è vista come l’anima del mondo. Come tale, agisce come una sorta di membrana protettiva tra il mondo umano e gli altri regni. È vista come una salvatrice che aiuta le anime umane ad ascendere.

Storia di Ecate e Stregoneria: Riepilogo

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Siamo fortunati ad avere una grande risorsa di immagini e testi antichi su Ecate. Il problema di avere così tante fonti antiche è che possiamo essere ingannati nel pensare che questo ci dia una completa comprensione di come veniva vista dagli antichi. Anche con tutto ciò che è noto, è ancora impossibile sapere chi Ecate fosse davvero tra gli antichi. Inoltre, poiché i testi sono stati scritti da persone di determinate classi, non c’è modo di sapere con certezza come antiche streghe comprendessero e vivessero Ecate.

Storia di Ecate: dal Medioevo al XIX secolo

Ecate durante il Medioevo, durante il Rinascimento e fino al 20 ° secolo sperimentò una notevole riduzione delle sue capacità. Mentre gli antichi la veneravano come una dea con molte caratteristiche e abilità, l’immagine che emerse in seguito è limitata a quella di una dea dagli inferi. Un esempio di questa visione ristretta di Ecate si trova in Pistis Sophia, dove è sostanzialmente raffigurata come la regina dell’inferno. La sua interpretazione di Shakespeare su MacBeth incarna questa versione semplificata di Ecate.

Mentre Shakespeare ha presentato un quadro generale di Ecate e delle streghe, è improbabile che ciò rifletta il modo in cui le streghe abbiano visto Ecate in quei tempi.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Ecate nel 20 ° secolo

All’inizio del XX secolo, l’abilità limitata di Ecate come dea degli inferi fu ulteriormente rafforzata dalle opere di Aleister Crowley e Gerald Gardner. Ecate divenne ampiamente nota come La Dea della Stregoneria nei circoli Neopagani.

Da qualche parte lungo il cammino, Ecate come donna saggia divenne una credenza comune tra i neopagani. Oltre a questa interpretazione di lei come individuo, è stata anche collocata nella struttura della dea tripartita “Maiden-Mother-Witch” come strega o come l’intero trio. Mentre la veridicità di queste notizie è stata discussa, ci sono prove antiche che la consolidano come una fanciulla. Il suo ruolo di madre è rafforzato da antichi epiteti, come Pammetor, e ci sono alcune storie che la ritraggono come una madre biologica. Ad accompagnare questa nuova applicazione dell’antica caratterizzazione di Ecate come triplice dea, c’era la sua associazione Wiccan con la luna.

Pertanto, la comprensione di Ecate delle streghe del 20 ° secolo era limitata a due ruoli. Come parte dell’immagine della Triplice Dea, veniva spesso celebrata come la donna saggia. Nella sua incarnazione della dea oscura, poteva essere onorata come Regina delle Streghe e convocata per alcuni tipi di stregoneria. Non era ancora vista, almeno dalla maggior parte, una divinità versatile.

Hecate contemporanea

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Informazioni sulla dea Ecate

Oggi, molti seguaci di Ecate la vedono come una dea versatile. Questa comprensione di Ecate fu largamente documentata dagli studiosi delle sue antiche origini apparse alla fine del XX secolo, in particolare “Ecate Soteira” di Johnston. Quando iniziò il 21 ° secolo, anche altri scrittori inventarono idee alternative su Ecate. Le prospettive popolari contemporanee su Ecate possono essere divise in quattro categorie distinte: come l’anima del mondo, come forza primordiale, come dea oscura e come dea o strega tripla.

Alcune di queste prospettive sono più intellettuali e teurgiche, mentre altre sono più basate sulla stregoneria. Ciò che questi approcci hanno in comune è che Ecate è una potente dea e che è una potente forza magica a disposizione dei suoi seguaci. Un altro aspetto in comune è che tutte queste prospettive usano le interpretazioni storiche di Ecate per sviluppare la loro comprensione.

Definizione di ecate contemporanea

Una considerazione importante nella definizione di Ecate contemporanea è che alcuni degli approcci utilizzano un aspetto di Ecate piuttosto che tutte le sue caratteristiche. Ecate è la corrente di energia in tutti gli esseri viventi. Pertanto, tutte queste prospettive possono essere valide, poiché tutte le cose scorrono da Ecate come fonte. Un’altra distinzione è che alcune di queste prospettive moderne varino nel loro approccio; alcune la vedono come una divinità che deve essere invocata per chiedere favori, e altri la vedono come una forza che può essere manipolata.

Ecate e i suoi epiteti

Un altro fenomeno è la pratica corrente di usare gli epiteti o le caratteristiche di Ecate per invocare o per devozione. Sebbene molti di questi metodi siano di origine antica, il modo in cui vengono applicati è molto moderno. Ad esempio, i devoti possono invocare uno o più epiteti quando coinvolgono Ecate nelle loro opere di magia. 

L’uso degli epiteti è in gran parte limitato ai devoti che si concentrano principalmente su Ecate, sia per l’esclusione o l’uso limitato di altre divinità. Essere un devoto implica che una persona accetti di partecipare regolarmente ad attività che onorano Ecate, inclusa l’offerta di vari tipi.

Come evocare Ecate

Esistono molti modi per evocare Ecate e ci sono innumerevoli modi per capire Ecate. Poiché è una dea così diversificata a tutti gli effetti, possiamo essere attratti da un aspetto di lei (o da più aspetti) o possiamo sentirci collegati a Ecate nel suo insieme. Potremmo avere un’esperienza iniziale con Ecate in cui si presenta in una visione completa che è pienamente esperienziale, oppure potremmo evocarla dopo aver già letto molto. Più sperimentiamo Ecate, più la capiamo. Questa comprensione ci permette di essere migliori nella stregoneria mentre sviluppiamo le abilità necessarie per coinvolgere lei e le sue energie nel nostro lavoro.

CLICCA PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Invocazione per Ecate

«Grande Madre Ecate
Custode del tempo eterno
Faccia segreta della Dea
Stasera invoco la tua protezione
affinché tu mantenga il mio spirito
dal dubbio e dalla paura
Crea potere in me
Crea forza in me
Così sia»

Invocazione a Ecate in greco

Einodian Hekatên, klêizô, Trihoditin Erannên,
Ouranian, Chthonian, te kai Einalian, Krokopeplos.
Tymbidian, Psychais Nekyôn meta bakcheuosan,
Perseian, Philerêmon, agallomenên elaphoisi.
Nykterian, Skylakitin, amaimaketon Basileian.
Thêrobromon, Azôston, aprosmachon Eidos echousan.
Tauropolon, Pantos Kosmou Klêidouchon, Anassan,
Hêgemonên, Nymphên, Kourotrophon, Ouresiphoitin.
Lissomenos, Kourên, teletais hosiaisi pareinai,
Boukolôi eumeneousan aei kecharêoti thymôi »

Conclusione

Quando incontriamo Ecate, iniziamo a comprendere i suoi potenti poteri e diventiamo più abili nell’evocare e invocare la sua presenza per le nostre arti magiche. Nel tempo, possiamo anche imparare a sfruttare le sue correnti energetiche. Conoscere davvero Ecate richiede comprensione al di là di tutto ciò che può essere trovato attraverso le opere di altri.

La chiave per sperimentare Ecate consiste nell’imparare ad essere aperti ai suoi messaggi e visioni. Puoi farlo attraverso una varietà di metodi, dalla meditazione ai rituali. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...